Archivi categoria: psicofarmaci

Si eredita l’esperienza psicologica di violenza degli antenati non un dna malato, quindi è su questo che andrebbe fatta prevenzione.

La memoria esplicita, riguarda il ricordo cosciente di informazioni che riguardano persone, luoghi, e oggetti, essa collega la nostra vita mentale consentendoci di ricordare cosa, dove e con chi abbiamo svolto determinate azioni, durante i giorni, le settimane, i mesi … Continua a leggere

Pubblicato in cervello, dna, mente, psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

I pregiudizi scientifici sul cervello.

Il cervello non è come una cartina geografica con confini specifici, invalicabili, ma è organizzato in aree e circuiti neuronali (collegamenti) che hanno funzioni specifiche e inter-connesse; sono in prevalenza i collegamenti che rendono specifica una funzione cerebrale, e non: … Continua a leggere

Pubblicato in cervello, costrutti teorici, mente, metodo teorico, psicofarmaci | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La complessità di un’unica trasmissione sinaptica richiede anche più neurotrasmettitori quindi nessun unico neurotrasmettitore è responsabile né di depressione, né di psicosi, né di ansia e nessun farmaco con molecola affine può essere definito anti-depressivo, anti-psicotico, ansio-litico.

Peptidi neuro attivi e neurotrasmettitori a basso peso molecolare possono coesistere nelle stesse vescicole di un neurone, la combinazione di queste sostanze da luogo a una stessa azione neuronale. Per esempio l’acetilcolina e il peptide intestinale vasoattivo vengono liberati contemporaneamente … Continua a leggere

Pubblicato in psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Pazzia: non ci può essere una “predisposizione genetica” perché si “autodetermina” come risposta “chimico-fisica del cervello” alla relazione e allo stress.

La principale differenza fra neurotrasmettitori e ormoni è che: gli ormoni entrando nel torrente circolatorio possono agire anche a distanza (1) mentre i neurotrasmettitori agiscono in loco (nello spazio sinaptico della cellula che li produce). I neurotrasmettitori si dividono in … Continua a leggere

Pubblicato in psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Le bugie sugli psicofarmaci:gli psicofarmaci che bloccano la ricaptazione dei neuro trasmettitori necessitano di aumento del dosaggio producendo squilibri nella modulazione sinaptica.

Premesso che (citazione): “Le sinapsine sono proteine delle membrane periferiche legate alla superficie citoplasmatica delle vescicole sinaptiche queste proteine si legano anche all’adenosintrifosfato (ATP) e all’actina. Le sinapsine sono substrati sia della protein-chinasi A che della protein-chinasi I Ca2+/calmodulino dipendente. Quando … Continua a leggere

Pubblicato in psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Gli psicofarmaci producono squilibri psico-elettro-biologici? Si è facilmente intuibile.

Per avere un potenziale post sinaptico (liberazione di neurotrasmettitore) è necessario un potenziale di azione presinaptico di minimo 40mV, dopo di che aumenta in modo logaritmico fino a 10 volte in più, il potenziale presinaptico se entro i 70mV, quindi … Continua a leggere

Pubblicato in alzheimer, psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Gli psicofarmaci danno ingestibili problemi di dosaggio, semplicemente perché alterano sofisticati meccanismi a feedback di elettro-conduzione (fisici) e non curano di ipotetici equilibri chimici nel cervello.

A questo proposito va evidenziato che: circuiti attivati direttamente dal neurotrasmettitore (o psico-farmaco) o da un’azione indiretta del neurotrasmettitore (o psico-farmaco): quando attiva o inibisce uno dei diversi tipi di proteina G (vedi post precedente) , il canale ionico attivato … Continua a leggere

Pubblicato in psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Perché non è possibile che esistano: psicofarmaci “terapeuticamente selettivi”

Alcuni potrebbero obiettare che non tutti gli psicofarmaci agiscono sui: GABA, che si sa è presente ovunque nel S.N.C., e che sarebbero stati studiati, prodotti e commercializzati, alcuni psicofarmaci che hanno un effetto altamente selettivo: combinandosi contemporaneamente su due recettori … Continua a leggere

Pubblicato in psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Ansiolitico-antidepressivo, categorie commerciali che non evidenziano i veri effetti degli psicofarmaci.

Tutti voi possono fare un semplice esperimento, assumendo alcolici, gli alcolici agiscono sui recettori GABA, gli stessi su cui agiscono le benzodiazepine: cui, i medici, attribuiscono un effetto ansiolitico, ovvero ridurrebbero l’ansia, in altri termini eliminerebbero l’emozione della paura. Quindi … Continua a leggere

Pubblicato in psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento