Archivi tag: antipsicotici

I pregiudizi scientifici sul cervello.

Il cervello non è come una cartina geografica con confini specifici, invalicabili, ma è organizzato in aree e circuiti neuronali (collegamenti) che hanno funzioni specifiche e inter-connesse; sono in prevalenza i collegamenti che rendono specifica una funzione cerebrale, e non: … Continua a leggere

Pubblicato in cervello, costrutti teorici, mente, metodo teorico, psicofarmaci | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La complessità di un’unica trasmissione sinaptica richiede anche più neurotrasmettitori quindi nessun unico neurotrasmettitore è responsabile né di depressione, né di psicosi, né di ansia e nessun farmaco con molecola affine può essere definito anti-depressivo, anti-psicotico, ansio-litico.

Peptidi neuro attivi e neurotrasmettitori a basso peso molecolare possono coesistere nelle stesse vescicole di un neurone, la combinazione di queste sostanze da luogo a una stessa azione neuronale. Per esempio l’acetilcolina e il peptide intestinale vasoattivo vengono liberati contemporaneamente … Continua a leggere

Pubblicato in psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Pazzia: non ci può essere una “predisposizione genetica” perché si “autodetermina” come risposta “chimico-fisica del cervello” alla relazione e allo stress.

La principale differenza fra neurotrasmettitori e ormoni è che: gli ormoni entrando nel torrente circolatorio possono agire anche a distanza (1) mentre i neurotrasmettitori agiscono in loco (nello spazio sinaptico della cellula che li produce). I neurotrasmettitori si dividono in … Continua a leggere

Pubblicato in psicofarmaci, psicologia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento